HUB Art e HUB Music: due piattaforme pensate per il docente
{"uid":"1750B264-02B7-4038-81BB-22A3E5F2B578_1617188188390","source":"other","origin":"unknown"}

HUB Art e HUB Music: due piattaforme pensate per il docente

In un momento difficile come quello che viviamo, non va dimenticato di incoraggiare la creatività e il talento. Seprom e Mondadori Education presentano due piattaforme online, innovative e distinte, per l’apprendimento delle arti. Parliamo di HUB Music e HUB Art, due luoghi virtuali che rappresentano un modo nuovo di insegnare e imparare la musica e la Storia dell’Arte. Scopriamoli meglio e uno per volta.

HUB Music

HUB Music è un nuovo software per imparare, studiare, suonare e cantare insieme. Un ambiente online da utilizzare sia in classe, sia da casa grazie all’aiuto di un tutor virtuale. Questa applicazione assiste gli studenti nella pratica musicale di diversi strumenti: flauto dolce, tastiera, chitarra e metallofono. Ma non solo: proprio grazie alla funzione tutor, è possibile individuare e indicare gli eventuali errori di esecuzione.

Come funziona HUB Music? Il primo step, ovviamente, è imparare la musica. Sullo schermo, lo spartito si anima: le note si colorano per guidare l’esecuzione del brano e il suo andamento. Si può attivare il metronomo e si può decidere se essere accompagnati dalla base, dalla melodia o da entrambe. Dopo qualche esercitazione, si può anche intervenire sulla velocità dell’esecuzione del brano stesso.

Una volta studiato il brano, è il momento di mettersi alla prova con l’aiuto del tutor. Bisogna quindi calibrare il suono dello strumento abilitando il microfono del computer. Poi, via con il brano! Al termine dell’esecuzione, il sistema dirà ciò che si è suonato correttamente e cosa no. Un’altra funzione interessante poi, è quella karaoke, grazie alla quale si può cantare tutti insieme. Per avere maggiori info su HUB Music, clicca qui.

HUB Art

HUB Art, invece, è un vero e proprio motore di ricerca. Un nuovo modo di insegnare la Storia dell’Arte, con oltre 9.000 immagini in alta risoluzione, in una piattaforma facile da usare e pensata per la scuola. Un vero e proprio museo online sempre a portata di mano del docente, sia a casa che in classe. Oltre alle migliaia di opere d’arte, HUB Art mette a disposizione anche molti disegni e schemi. Le immagini sono ideali da riprodurre e proiettare.

Come usare HUB Art? La prima funzionalità è quella della ricerca. L’insegnante potrà ricercare le immagini per autore, titolo dell’opera o parole chiave come data e luogo di conservazione. L’obiettivo è creare percorsi inediti e strutturare la lezione in modo più autonomo. La seconda, è il confronto: si potranno effettuare confronti tematici tra le opere, anche basandosi su suggerimenti proposti dagli autori.

Il docente potrà selezionare delle immagini preferite e creare delle playlist personali, come traccia per le sue lezioni. Altra funzionalità, è quella della geolocalizzazione: la classe saprà immediatamente la posizione esatta di dov’è conservata l’opera. Per ultimo, l’insegnante potrà sfruttare la funzionalità itinerari, con la quale sarà possibile effettuare la ricerca per prossimità, utile a scoprire quali altre opere ci sono in quel territorio. Il tutto per valorizzare al meglio il patrimonio artistico italiano, e non solo, grazie a Seprom e Mondadori Education.

Per avere maggiori info su HUB Music, clicca qui.

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Alberto

    Come entro in hub art

    1. Domenico Muscolino

      Buongiorno, l’accesso ad Hub Art è riservato ai docenti che hanno in adozione i nostri testi di Storia dell’arte. Se lei ha dei testi in adozione può richiedere l’accesso al suo agente di riferimento facendo richiesta dal sito http://www.seprom.it alla voce “Richiesta saggi”. Grazie.

Lascia un commento